Pubblicato da: faustocolombo | 3, luglio, 2010

La decisione

Era un uomo un po’ particolare. E adesso avrebbe preso la decisione. Era stato cantante sulle navi, e di musica si dilettava ancora, aspirando a passare alla storia come autore classico della canzone napoletana. Era stato imprenditore. Aveva fatto nascere città satelliti dal niente. Poi aveva inventato la televisione commerciale e cambiato il sistema dei media del Paese incerto. Si era improvvisato imprenditore sportivo, e aveva portato una squadra di club ai vertici del mondo. Era diventato editore della carta stampata. Politico, infine. Aveva fondato un partito sul ground zero di Tangentopoli, ed era stato più volte premier. Era amato e odiato. Si dava il lustro del latin lover, malgrado la veneranda età. Amava la famiglia, i figli e nipotini, nonostante avesse un paio di divorzi alle spalle. In tutta la sua vita si era presentato, principalmente a se stesso, con una convinzione contagiosa, come un decisionista. Uno abituato a scegliere da solo.

Adesso, da qualche mese, l’incertitudine del Paese incerto aveva preso anche lui. I suoi sudditi di un tempo sembravano scalpitare e non fidarsi più. I suoi alleati di una volta parevano tradirlo. La politica diventava sempre più incomprensibile, e lui si sentiva  davvero in difficoltà. Non si sentiva più capace di decidere. La storia che aveva raccontato a se stesso pareva non reggere più.

Così quella mattina decise che avrebbe preso una decisione: si alzò, fece toeletta e rilasciò una dichiarazione in schietto milanese: “ghe pensi mì”, disse. Farò questo, farò quello. Mi scaglierò contro gli amici e i nemici. Diventerò quel re che ho sempre voluto essere. Sono un uomo del fare e prenderò finalmente una decisione. E lo fece.

Elaborò, studiò, discusse con la sua cerchia di fedelissimi, e prese la decisione. Sbagliata.

Buon vento.


Responses

  1. Di questo uomo (???!!!!???) un po’ particolare non ne possiamo proprio più!!
    E intanto mi ascolto Il re è nudo dei Nomadi!

  2. Questo piccolo re se non ci fosse bisognerebbe
    inventarlo. Intanto propongo un’asta benefica
    per cederlo al miglior offerente………………..

  3. @alessandra: …ummm.. c’è un piccolo problema…MA CHI LO VUOLE??????!!!!! inoltre come potrebbe un’asta simile essere dichiarata “benefica” tenendo conto del soggetto…. Auguriamoci vento migliore..


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: