Pubblicato da: faustocolombo | 18, gennaio, 2010

Avatar

Molti anni fa (era il 1990) pubblicai un libro dal titolo Ombre sintetiche (Liguori). Mi sembrava un bel titolo originale. Qualche anno dopo, il mio amico Philippe Quéau mi fece osservare che il termine l’aveva già usato lui. Io avevo letto i suoi libri, lo dovevo aver trovato (il termine), e me l’ero bellamente rimosso. Poi, furbo come una volpe, avevo avuto l’intuizione e tutti si erano complimentati con me… Oggi controllo i titoli e le definizioni su internet, e la cosa non mi succederebbe più. In compenso, il buon vecchio Philippe non se ne adontò, a dispetto di certi colleghi italiani che si occupano di temi estremamente specifici tipo la vita, la morte, l’amore e la malattia, e che se ti provi a parlare di argomenti affini (quasi impossibile sfuggire, in effetti) ti fanno capire che se la sono presa perché non li hai citati.

Comunque, dicevo, nel 90 ho scritto questo libro sui paradossali effetti di realtà e illusione dell’infoimmagine. In quegli anni, in effetti, frequentavo i festival di immagini al computer (tipo Imagina a Montecarlo), e seguivo con passione ogni avanzamento tecnologico. Ricordo benissimo le prime immagini in wireframe, e i primi rudimentali tentativi di animazione. Oggi seguo meno di allora, ma ho trovato comunque Avatar sconvolgente per la qualità e la bellezza delle immagini. Non sono un critico cinematografico (anzi, non sono un critico e basta), e non infilerò in discorsi sulla qualità cinematografica del film di Cameron. Non c’è dubbio però che la sua estetica sia straordinaria, e che quei mondi fantastici siano davvero fantastici, in ogni senso. Il che mi dà l’occasione per ribadire che dal punto di vista del sociologo della cultura è sempre interessante osservare come ogni innovazione nelle interfacce apra scorci nuovi nell’immaginazione creativa, e alcuni soggetti abbiano una particolare capacità di pensare e progettare in termini artistici dove l’innovazione può portare la creatività.

Insomma, non solo non posso immaginare gli effetti speciali di Avatar senza la tecnologia che Cameron ha avuto a disposizione, ma non riesco nemmeno a immaginare una storia come quella di Avatar raccontata in un film senza quegli effetti speciali (o affetti speciali, come li chiamavfa Casetti molti anni fa). Una storia pensata dopo un’innovazione tecnologica. Che è la vera sfida r capire come pensiamo, progettiamo, immaginiamo. Non poco, mi pare.


Responses

  1. Condivido in pieno. Quella che sarebbe “solo” una bella favola con un messaggio di pace è diventata grazie alla tecnologia una grandissima esperienza visiva.
    Solo un esercizio di stile? forse, ma a me è piaciuto parecchio, e credo davvero di non aver mai *visto* nulla di simile.

    Poi vabè, io sono di parte e ritengo Cameron uno dei maggiori responsabili della mia passione per i film di film di fantascienza. Quindi per me poteva mettermi due pulcini pigolanti sullo schermo e io ero contenta lo stesso.

    E su You Tube c’è già che dà lezioni di lingua Na’vi.

    Oel ngati kameie.
    🙂
    V.

  2. http://www.avvenire.it/Cultura/La+religione+di+Avatar+nata+in+Piemonte_201001300851102530000.htm

    ecco, i cattolici piu’ ferventi, soprattutto americani e teocon, sperano sempre che qualche artista si immagini un’ avventura in cui succede che andando su un altro pianeta, o scoprendo un altro mondo, si trovi una civilta’ proto-cattolica apostolica e romana, subito pronta a sottomettersi al papa, al capitalismo made in USA e alla curia di Trastevere. Invece, mannaggia, trovano sempre dei panteisti no global!

    In questo caso poi James Cameron avrebbe tratto tutto da una setta religiosa della Valchiusella, posto di trecento anime vicino a Ivrea. Fortuna che i Na’Vi non si tirano le arance a carnevale su Pandora, altrimenti il riferimento sarebbe stato troppo esplicito!

    Buon Vento!


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: