Pubblicato da: faustocolombo | 23, novembre, 2009

Lisbon Story

Domani parto per Lisbona. Il mio buon amico Gustavo Cardoso (tra l’altro coautore con Manuel Castells di un interessante lavoro) mi ha invitato a un’iniziativa finanziata dall’Unione Europea sul Digitale Terrestre, con la partecipazione di alcuni studiosi e di un bel gruppo di dottorandi. Ci vado volentieri, perché incontrerò alcuni vecchi amici e compagni di avventura scientifica: dalla Norvegia (Università di Oslo) Espen Ytreberg (credo che sia ancora su YouTube una nostra sciata comune a Cervinia), dalla Spagna (Pamplona) Charo Sadaba, e diversi altri.

Ogni tanto mi chiedo perché giro così tanto, nel mio lavoro. Ci sono due risposte: la prima è che trovo essenziale lo scambio con studiosi di tutto il mondo, indispensabile per non diventare insopportabilmente provinciali.

La seconda risposta la dà Paolo Conte, in una sua bellissima canzone. Eccola qui:

Buon vento, naviganti. Vi terrò informati.

Annunci

Responses

  1. “La fuga nella vita, chi lo sa…
    …che non sia proprio lei
    la quinta essenza…
    sì, ma di noi si può fare senza… ”

    Stravedo per questa canzone: è un leggero distillato di genialità contiano, uno di quei rari esempi di canzone in perfetto equilibrio tra testo e musica. Un verso come “È là che lui tiene la sua accademia/ sotto lo sguardo vitreo/ dei bicchieri di Boemia” è una zampata inconfondibile

    Buon viaggio, Lisbona è una città da naviganti come poche altre al mondo


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: