Pubblicato da: faustocolombo | 13, ottobre, 2009

Ce l’ho con i Cattolici Popolari? No, ma ogni tanto…

Oggi arrivo bel bello in Università, e vedo un tazebao dei CP (Cattolici Popolari). Mi colpisce senza che me ne accorga. Così torno indietro e lo leggo per bene: riporta nella parte alta la sentenza della Corte Costituzionale sul Lodo Alfano. Sotto si legge: art 1 della Costituzione (una possibile interpretazione): l’Italia è una repubblica fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo che la esercita…..  ai giudici.

Segue a caratteri cubitali: SUMMA INIURIA.

Resto basito. Così, senza il becco di una argomentazione. Il tazebao non dice, ma implica. Implica che sia ovvio che i giudici hanno preso una decisione che ha sostituito la volontà popolare. Implica che si sono arrogati un diritto che non avevano. Implica che il giudizio della Corte sul lodo è sbagliato. Tutti questi impliciti sono nascosti da una battuta, che si ritiene spiritosa.

Ora, si dà il caso che nessuno degli impliciti sia ovvio. C’è obiettivamente una discussione sulla correttezza dei contenuti del giudizio della Corte (c’è stato anche nella Corte, visto che la delibera è stata presa a maggioranza), ma poi c’è nel paese un dibattito sulla legittimità del modo di procedere e sulla stessa Corte, trasformata dagli sconfitti (o ipotetici tali) in un luogo “di parte”. Argomento debole, perché qual è la controprova? Se invece l’esito fosse stato opposto avremmo dovuto dire che era giusto? E come sarebbero state prese le battute sul giudice che ha invitato a cena gli alti esponenti della parte politica che ha approvato il Lodo Alfano? Insomma, su questa via non se ne esce.

Dunque gli impliciti del Tazebao sono quantomeno discutibili. Ma averli nascosti sotto una semplificazione impedisce di discuterli.

Lo dico con tutto l’affetto possibile di uno che ha fatto dell’insegnamento la sua vita. Cari studenti: ragionate con la vostra testa. Fatevi venire dei dubbi. Accettate le opinioni degli altri partendo dal presupposto che non siano in malafede (e pretendete lo stesso per voi). Non spargete di luoghi comuni il mondo. Non finché siete giovani, almeno. Accettate e promuovete il confronto. Forse c’è spazio per tutti, nell’arena pubblica.

Buon vento, anche agli espositori del tazebao che tanto trovo sbagliato. Che le vele (del confronto aperto e sincero) si spieghino.

Annunci

Responses

  1. sottoscrivo. Anche la punteggiatura!
    Roberto C. PD Lia Bianchi

  2. poveri ragazzi. Li aspetta un destino da manipolati. E non sono in grado di accorgersene… Da brividi.

    Speriamo che studiare li aiuti. Una considerazione banale, forse. Ma pur sempre una bella speranza.

    ms


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: