Pubblicato da: faustocolombo | 4, maggio, 2009

Storia di un maresciallo

Di solito parlo soltanto di temi attinenti la comunicazione, ma vorrei raccontare un piccolo episodio personale. Cimitero di una città toscana. Sono con la mia famiglia. Incontriamo un uomo anziano, seduto davanti a una tomba, appoggiato al suo bastone. Passiamo, e poi, dopo qualche minuto, torniamo. Si è alzato. Ci guarda. Ci dice “proprio così, ho perso mia moglie, e adesso sono solo”. Ci avviciniamo. Racconta. E’ un maresciallo di polizia siciliano in pensione. Non è uno sforzo stare ad ascoltarlo. Ci mostra lettere di merito e ringraziamento. Decorato con medaglia d’oro. Ha salvato due vite. E’ stato ferito più volte, proprio in quei frangenti: due coltellate, tre colpi di pistola. Lo racconta con orgoglio, ma piange. Piange per sua moglie e per la sua solitudine. Sua moglie, si vede dalla foto, era una donna bellissima, miss Toscana, tra l’altro. Niente figli, solo un aborto dopo un incidente stradale. Guardo il maresciallo, che piange. Non mi vergogno di dire che piango anch’io, gli stringo la mano, quasi lo abbraccio. Mi ringrazia, si scusa, ci ringrazia tutti. Vado via commosso, di una commozione che non mi lascerà tanto presto. E penso che ho incontrato un eroe, premiato dalla solitudine e dal dolore. Niente fiction, magari soltanto una notizia in cronaca. Mentre sono, siamo circondati di gossip su corna e divorzi, come se l’interesse pubblico fosse tutto lì.

Per questo – per una volta – racconto una storia privata. Perché qualcuno la deve pur raccontare, e io ho solo questa piccola nave a disposizione, e voi naviganti per stare a sentire.

Ci sono degli eroi, in giro. Non si vedono, di solito. Ma vale la pena ricordarlo, per prendere le misure a tanta gente comune che ha l’onore delle cronache, come se di loro ci importasse davvero qualcosa. Scusate, ma io sto con il maresciallo di polizia siciliano e con il suo dolore, e la sua storia romanzesca che nessuno probabilmente racconterà mai.

Buon vento, ragazzi. Che il vento la accompagni, maresciallo.

Annunci

Responses

  1. Prof Colombo Lei é un “grande”!!!!
    La storia del maresciallo l’ho trangugiata d’un fiato e poi letta e riletta più volte….L’ho anche raccontata in giro, invitando alcuni amici e colleghi a collegarsi al suo blog.
    L’emozione e la condivisione che Lei esprime a parole l’ho vissuta realmente, leggendo…
    Continui a raccontare….a navigare e a far “navigare”, augurando buon vento! Grazie!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: