Pubblicato da: faustocolombo | 6, aprile, 2009

Una notizia da poco

Intendiamoci, per me non è una notizia da poco, ma bisogna avere il senso della misura quando tanti nostri connazionali sono sotto le macerie del terremoto (a proposito: so che ciascuno dei naviganti farà quello che potrà).
Comunque segnalo un incontro dibattito mercoledì sera. Ci ha già pensato il mio amico Antonio Dini, e vi linko a lui. Per chi c’è, a mercoledì: http://antoniodini.blogspot.com/2009/04/link-link.html.

Annunci

Responses

  1. E’ tanto strano seguire tutta la vicenda del terremoto da qui. I media locali e internazionali tipo Euro News e CNN forniscono un’informazione precisa, ma con quel certo distacco di chi non sta parlando di una cosa successa a casa propria.
    E’ la prima volta che mi capita di seguire un evento nazionale di tali proporzioni “filtrato” da un punto di vista esterno, ma mi immagino cosa stia succedendo a casa su TV e stampa, anche perche’ ieri sera sono riuscita a vedere a spazzi un po’ di TG1.

    Saro’ ingenua, ma sono sinceramente un po’ confusa dalla diversita’ delle immagini che vedo: distruzione, dolore e strazio da una parte e, dall’altra, una catastrofe naturale che ha colpito una citta’ del centro Italia.
    Non voglio assolutamente specularci sopra domandandomi, quale dei due sia il modo giusto o sbagliato, ma devo ammettere che questa doppia prospettiva sulla cosa mi risulta abbastanza complicata da gestire: non riesco a valutare la gravita’ della situazione.

    V.

  2. La gravità della situazione secondo me secondo me non la si comprende da nessuno dei due punti di vista…solo chi è là ha un immagine precisa di quello che è stato, noi possiamo solo immaginare, dalle immagini, dalle parole, dai rumori ma è sempre una una comunicazione distorta…
    Ho un amico che sta la e ha perso la casa e dalla radio continuo a sentire le dirette che facciamo e le voci che mandiamo in onda ma come mi ha detto ieri questo mio amico è tutto molto surreale e noi non siamo in grado di capire…esattamente come adesso…io sto scrivendo su questo blog e una nuova scossa di magnetudo 4,7 e stanno crollando anche quei pochi palazzi che non erano ancora caduti…

  3. …la risposta alla gravità della situazione mi è arrivata, purtroppo, solamente adesso…non dai telegiornali o dai giornali ma dalla voce del mio amico che era in macchina e stava cercando di uscire dall’Aquila…mentre stavamo parlando è arrivata la scossa…forte quanto la prima ma di durata minore…la sua voce, il suo spavento mi ha dato l’idea di quello che il nostro paese sta vivendo…in tutto ciò è paradossale vedere il ministro Brunetta su la7 parlare della crisi economica…non so faccio fatica a capire cosa stia succedendo a questa Italia…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: