Pubblicato da: faustocolombo | 5, aprile, 2009

Una serata a Biella

Venerdì sera sono stato a Biella, ospite dell’associazione Piazzad’uomo (http://www.piazzaduomo.splinder.com/), per un dibattito sul tema dell’informazione locale e del rapporto con il territorio. La cosa è andata così: sono partito da casa tardi, e quando mi sono affacciato a casa di Enrico Zegna, il mio ospite che mi aveva anche cortesemente invitato a cena, ho visto dipingersi lo sgomento per la mia velocità nella guida sulla sua faccia, e anche su quelle di sua moglie, di due delle sue figlie (l’altra era in gita), e dei due amici che mi aspettavano con lui. Per dire che se un giorno mi invitate da qualche parte e vi dico che non posso perché mi hanno ritirato la patente, sapete perché (e anche quanto io sia imbecille).

Comunque, dopo una cena deliziosa che mi ha fatto sentire a casa, siamo andati alla serata, dove ho scoperto una vita vera di informazione, comunicazione e comunità locale. Ho scoperto che Biella ha un numero rilevante di voci che parlano attraverso la stampa locale (giornali tradizionali e una testata di giovani attivi nel volontariato) e la rete (siti, newsletters satiriche, blog), ed è abitata da parecchia gente con voglia di discutere e che non si ancora arresa all’idea che la comunicazione sia sempre affare di qualcun altro.

Ho parlato, ho ascoltato, e alla fine me ne sono andato con un’immagine di quella città che è forse migliore di quanto i suoi cittadini non pensino. Penso sia gente che non si accontenta, e questo è bene.

Abbiamo parlato del dialogo, dell’impegno. Abbiamo parlato di quanto sia importante non rifugiarci nel pensiero uncio di chi vuole ridurre la comunicazione a fattore di convinzione di chi è già convinto, e di condanna di chi non sta dalla nostra parte.

Quando me ne sono andato, Enrico Zegna mi ha raccomandato di andare piano (ho obbedito, lo giuro), e mi ha dato un pacchettino con il libro di Enzo Bianchi, Un’etica condivisa (Einaudi). L’ho divorato. Enzo Bianchi è il priore di Bose, una comunità monastica ecumenica che ho visitato da ragazzo, molti anni fa. Il libro è bellissimo e dice con semplicità molte cose di cui tutti abbiamo bisogno.

Io dico adesso grazie agli amici di Biella, che ho usato anche come cavie per parlare di quello che penso e scrivo. Loro non lo sanno, ma con venerdì sera ho smesso di tacere. O di essere prudente. Stay tuned.

E buon vento naviganti. Guardate il mare.

Annunci

Responses

  1. Sono felice di averla potuta ascoltare venerdì scorso, il caso ha voluto che nei giorni precedenti mi fossi imbattuto proprio in un’esame su “Teoria e tecniche dei nuovi media”, come tra l’altro le ho accennato nel fugace incontro all’uscita dalla sala.

    Mi è piaciuto ascoltare la serata, ho preferito ricevere input e non togliere spazio agli svariati interventi che ci sono stati. Una conferma ce l’ho avuta, riguarda la maniera retrograda di ragionare da parte dei direttori di queste testate giornalistiche. Sarebbe fantastico se in Italia nascesse un sito di informazione alternativo a Tv e carta stampata, da noi penso però sia per ora fondamentalmente un problema di infrastruttura.

    Trovo imbarazzante leggere Rheingold e poi alzare gli occhi e ritrovarmi in questa arretratezza tecnologica. Tornando alla serata, dei suoi interventi mi è piaciuto in particolare l’evidenziare la necessità di un dialogo pronto ad accettare anche una controparte non sempre d’accordo con la nostra opinione: molto formativo 🙂

    Lorenzo D’Amelio – http://www.lorenzodamelio.org

  2. Volevo ringraziarti per la serata di venerdì visto che nella confusione dell’uscita non sono riuscito neppure a salutarti… Buona settimana (uno dei due amici di Enrico a cena…)

  3. Caro professore, grazie anche da parte mia non solo per gli spunti, ma anche l’impressione positiva che hai ricavato mischiandoti alla nostra tribù. Forse il nostro problema è semplicemente che non ci parliamo abbastanza, un po’ come quelle coppie che invecchiano nel silenzio e nel rancore del non detto, guardando la tivù: e se venerdì per una volta è andata diversamente è stato anche grazie alla tua presenza.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: