Pubblicato da: faustocolombo | 14, dicembre, 2008

L’eredità di Debord

Ida Ciccone, una laureanda della Laurea specialistica, sta preparando una tesi sul situazionismo e la politica attuale. La sua tesi è coraggiosa, e spero di non semplificarla troppo se la sintetizzo così: le tesi di Guy Debord (http://it.wikipedia.org/wiki/Guy_Debord) ne La società dello Spettacolo non solo sono spaventosamente attuali, ma spiegano almeno una parte della comunicazione politica oggi. Infatti i governi tendono ad usare una logica situazionista per confermare il proprio potere.

Ho chiesto a Ida di venire a spiegare la sua tesi durante il mio corso di Media e politica, e lei si è gentilmente prestata. Ecco qua le slides del suo intervento, per cui la ringrazio di cuore:

la-società-dello-spettacolo


Responses

  1. molto interessante. Guy Debord era un genio assoluto, una delle poche persone in grado di guardare al futuro (Freccero, nella prefaz a SDS dice che Debord era in grado di vedere la “filigrana” della società). Se fosse vivo oggi, chissà cosa direbbe della società attuale, iper-mediatizzata; forse avrebbe un blog anche lui?🙂

  2. Pensando al destino di debord, rimasto sempre più solo e poi suicida, mi viene da dire che la lucidità con cui leggeva il futuro e il presente sia stata una specie di condanna. Ma forse invece hai ragione. Avrebbe aperto un blog, e avrebbe trovato una via per continuare a lottare….

  3. proprio l’altro giorno ho scritto un articolo sulla comunicazione politica e ho citato (spero non a sproposito) Debord. Buon anno!
    http://www.spindoc.it/2009/01/02/elisabetta-mahmoud-e-giorgio-discorsi-di-natale-e-fine-anno-a-confronto/

  4. @hamlet: grazie dell’indicazione e in generale dell’articolo, che ho letto e che mi sembra interessante. Questi discorsi “nazionali” rivolti ormai fatalmente a una platea globale sono una caratteristica della sfera pubblica mediatica, insieme media events e topic-setters… Ci sarà occasione per riparlarne..

  5. Debord ha anticipato il processo di estetizzazione sociale.La seduzione estetica si espande, ingloba ogni oggetto ed ogni aspetto della quotidianità,
    il gusto estetico entra nel processo di produzione, la merce, i luoghi e le dinamiche di consumo
    diventano fonti di attrazione attraverso artifici estetici che colpiscono e seducono in modo continuo il consumatore.è questo un processo che supera il mondo dei consumi per coinvolgere l’individuo nella sua totalità: nella comunicazione mediatica, nelle relazioni, nel modo di percepire e vivere la propria identità.La nostra società, perchè società dello spettacolo, costringe la relazione in (con) situazioni che sono frutto di finzione.
    “Là dove il mondo reale si cambia in semplici immagini, le semplici immagini diventano degli essere reali, e le motivazioni efficienti di un comportamento ipnotico.” (Debord, La società dello spettacolo)

    ma questa è un’altra storia…..


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: